Laboratorio di DANZATEATRO (Dance E-Motion)

Nascondi Mostra

 

Guarda il PowerPoint di DANCE E-MOTION

con Margherita Badalà, Danzatrice, Danzaterapeuta, Ins. Metodo Feldenkrais®

Giorni e orari:

Catania:

ogni mercoledì h. 20.30-22.30

 

Fiumefreddo:

ogni martedì h. 17:00-19:00

Nel linguaggio simbolico.. il corpo esprime la sua e-motività, ciò che lo muove. (Umberto Galimberti)

 

La sorgente fondamentale per l’arte della danza sarà lo studio dei movimenti della natura… (Isadora Duncan)

DANCE E-MOTION è una disciplina che scaturisce da una sintesi artistica ideata da Margherita Badalà dopo più di venticinque anni di formazione e lavoro con la Danza e il movimento organico. Una danza rivolta a tutti, perché riconnette con la vitalità, con l’essenzialità delle cose che si manifesta nel movimento del corpo, veicolando il senso attraverso il linguaggio simbolico.

E-motion: emozione e movimento insieme, il corpo esprime ciò che lo muove; il corpo incarna le produzioni del senso simbolico che scaturiscono dal desiderio.

Non è un balletto, non è terapia, simile alla danzateatro non è però necessariamente vincolata alla rappresentazione, ma al collegamento con la vita ed alla sua manifestazione.

Lo studio dei movimenti della natura con un approccio somatico – il movimento organico – permette al danzatore di arricchire e diventare consapevole delle proprie potenzialità espressive e di attingere dalla propria istintività sana nella creazione della danza. La musica e il ritmo, dalle percussioni alla melodìa, ispirano, accompagnano, ordinano le risorse vitali istintive, risvegliando emozioni e sentimenti, che si manifestano in gesti, azioni, figure e forme. Apprendimento organico e danza favoriscono la connessione con il fluire della vita e con le possibilità di trasformazione. La ritualità contiene e collega il danzatore a se stesso e agli altri.

La Coreografia nasce dalla continua percezione dei mutamenti psichici perché l’azione scaturisca da ciò che si prova di momento in momento.

La danza è il simbolo vivente di questa continua e ininterrotta traduzione …di un codice nell’altro, un sentimento in un organo, un organo in una cosa del mondo…il cui senso è sempre immesso da un referente emotivo (Galimberti).